La Tribù delle Schiene Dritte è davvero in gran forma!

Destinazione Bruxelles..

Riporto il seguente post dal blog “Nonunacosaseria” e vi invito a cliccare sulla scritta in azzurro “Tribù delle Schiene Dritte” per capire cosa si intende con tale espressione.

Tempo fa parlavo della Tribù delle Schiene Dritte. Un gruppo formato da persone intimamente buone, rette, oneste, specchiate, non disponibili a compromessi. Un gradino sopra tutti noi.
Il vero Schiena Dritta è fieramente antiberlusconiano e non ha dubbi su come ci si debba comportare nei confronti di quel tizio che attualmente fa il presidente del Consiglio in Italia.
Uno dei principali esponenti della Tribù, Paolo Flores d’Arcais, oggi ci dà una lezione di schienadrittismo dalle colonne del Fatto Quotidiano. Il filosofo in un editoriale significativamente intitolato “Come fa l’Europa a ricevere B.?” se la prende con quelle mezze calzette fifone e pavide che hanno dato prova di non poter mai essere ammesse alla Tribù. “A non aver onorato i propri doveri istituzionali sono invece Barroso e Van Rompuy, che si sono prestati a fare da “spalle” alla pantomima con cui il plurinquisito amico di Putin cerca una volta di più di sfuggire alla “legge eguale per tutti” (…) Barroso e Von Rompuy, entrambi del Partito popolare europeo come il plurinquisito di Arcore, hanno obbedito (Manzoni avrebbe detto: “La sciagurata rispose”)”.
Il problema della Tribù e il motivo per cui sarà sempre perdente e minoritaria è questa sua presunzione, il suo sentirsi giusta ed eticamente superiore a chi non ne fa parte. Le Schiene Dritte finiscono così con l’avere chiavi di lettura della realtà sbagliate e metri di giudizio completamente distorti. Secondo loro le istituzioni europee avrebbero dovuto far scoppiare un casino diplomatico senza precedenti. O al limite, non so, ricevere l’illustre ospite per rimproverarlo: “caro Berlusconi, tessera della P2 numero 1816, perché sei qui anziché dai magistrati napoletani?” (rinfacciare il piduismo è il minimo sindacale, per una Schiena Dritta).
Che poi, se vogliamo dirla tutta, è un atteggiamento, oltre che istituzionalmente insulso (e ciò è paradossale per chi si riempie la bocca di rispetto delle regole), pure irresponsabile e provinciale.
Irresponsabile, perché significa scaricare su altri le proprie inefficienze: se Berlusconi va a Bruxelles è perché alle elezioni ha sconfitto una sinistra arcaica, litigiosa e improduttiva e non perché Barroso e Van Rompuy gli sono complici.
Provinciale perché si pensa che tutto ruoti attorno al nostro piccolo microcosmo – una roba che somiglia più a una puntata di Ballarò che non alla complessità del mondo contemporaneo –, con la presunzione che siano gli altri a dover abbassarsi ai nostri livelli, anziché noi elevarci ad altri più dignitosi.

Concordo nel reputarlo un atteggiamento istituzionalmente insulso, irresponsabile e provinciale. Un post da conservare, da tenere sempre a portata di mano per replicare al pressapochismo di certi componenti della Tribù delle Schiene Dritte, che tende spesso a sfociare in saccenza arrogante e urlata.

Annunci

Pubblicato il 16 settembre 2011, in Altro con tag , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: